Bhagavad Gîtâ

19,50

Bhagavad Gîtâ. Nuova traduzione e commento. Capitoli 1 – 6
di Yogi Maharishi Mahesh

Descrizione: la Bhagavad Gita è un testo fondamentale di saggezza e di conoscenza, che contiene la più chiara interpretazione di tutti gli insegnamenti delle Upanishad. I sei capitoli di questa edizione commentata da Maharishi Mahesh Yogi costituiscono a loro volta il cuore di tutta la Bhagavad Gita.

Editore: Edizioni Mediterranee 

Informazioni aggiuntive

Ulteriori informazioni

Nel poema, lo stesso Signore Krishna spiega ad Arjuna che l’uomo è per se stesso un amico e un nemico allo stesso tempo, poiché costantemente diviso tra mente e cuore, tra senso del dovere e ricerca del piacere. Lo Yoga e la Meditazione sono il solo mezzo per equilibrare queste diverse tendenze e liberarsi dalla dualità, unica fonte dell’infelicità.
«Colui che ha conquistato il suo sé per mezzo del suo Sé soltanto è l’amico di se stesso; ma il Sé di colui che non ha conquistato il suo Sé si comporterà con l’inimicizia di un avversario». Così ammonisce la Gita.
E più avanti: «Non possiamo percepire la natura reale di questo mondo. La sua fine, la sua origine, la sua esistenza rimangono sconosciute. Solo tagliando quest’albero dalle robuste radici con la solida ascia del non-attaccamento si può cercare quello stato che, una volta raggiunto, non consente ritorno».
Questo commento alla Bhagavad Gita, dovuto ad una delle massime autorità spirituali del nostro tempo, è un mezzo prezioso per raggiungere tale stato, esponendo l’arte che, anche negli atti quotidiani della vita pratica, consente di conciliare le opposte tendenze, indirizzando così gli esseri umani verso una costante evoluzione.

Biografia

MAHARISHI MAHESH YOGI, laureto in fisica all’università di Allabhad, discepolo di Swami Brahamananda Saraswati Shankaracharya di Jotir Math, ha diffuso in tutto il mondo la Scienza della Intelligenza Creativa ed il Programma di Meditazione Trascendentale, a partire dal 1958.
Ha fondato due Università di studi: una in lowa, Usa: «MIU» (Maharishi International University) legalmente riconosciuta a livello di Master, ed una in Svizzera: «MERU» (Maharishi European Research University), per la ricerca e la sperimentazione nel campo della coscienza.
Nel 1966 ha scritto la «Scienza dell’Essere e l’arte di vivere», proponendo nell'ottica del corrente pensiero scientifico la saggezza pratica della vita integrata come è presentata dai Rishi Vedici dell’antica India.